AIFA – Agenzia Italiana del Farmaco, cos’è?

L’Agenzia Italiana del Farmaco – AIFA, https://www.aifa.gov.it/ , istituita con la Legge 326 del 2003, è un ente pubblico che opera in autonomia, trasparenza ed economicità, sotto la direzione del Ministero della Salute e la vigilanza del Ministero della Salute e del Ministero dell’Economia.

Collabora con le Regioni, l’Istituto Superiore di Sanità, gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, le Associazioni dei pazienti, i Medici e le Società Scientifiche, il mondo produttivo e distributivo.

E’ compito dell’Agenzia del Farmaco autorizzare l’immissione in commercio dei nuovi farmaci, monitorare costantemente la rete di farmaco-vigilanza e vigilare sulla produzione delle aziende farmaceutiche. Obiettivo primario di questo organismo è quello di tutelare la salute promuovendo una nuova politica del farmaco ed una informazione corretta e indipendente sui farmaci rivolta a cittadini e operatori del settore. Oltre a realizzare al proprio interno l’intero processo decisionale, garantendo così l’unitarietà del sistema farmaceutico e l’equità nell’accesso ai medicinali quali strumenti di tutela della salute, l’AIFA governa la spesa farmaceutica, in stretto rapporto con le Regioni e l’industria, mantenendo l’equilibrio economico nell’ambito del tetto di spesa stabilito annualmente dallo Stato. L’Agenzia Italiana del Farmaco inoltre promuove con impegno costante la diffusione di un’informazione corretta e indipendente anche attraverso il ricorso a campagne di comunicazione e sensibilizzazione all’uso consapevole e responsabile dei medicinali. L’AIFA pone anche particolare attenzione allo sviluppo dei rapporti internazionali, al dialogo con le Associazioni dei pazienti e dei consumatori e con le aziende.

 Nello specifico:

  • garantisce l’accesso al farmaco e il suo impiego sicuro ed appropriato come strumento di difesa della salute
  • assicura la unitarietà nazionale del sistema farmaceutico d’intesa con le Regioni
  • provvede al governo della spesa farmaceutica in un contesto di compatibilità economico-finanziaria e competitività dell’industria farmaceutica
  • assicura innovazione, efficienza e semplificazione delle procedure registrative, in particolare per determinare un accesso rapido ai farmaci innovativi ed ai farmaci per le malattie rare
  • rafforza i rapporti con le Agenzie degli altri Paesi, con l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) e con gli altri organismi internazionali
  • favorisce e premia gli investimenti in Ricerca e Sviluppo (R&S) in Italia, promuovendo e premiando la innovatività
  • dialoga ed interagisce con la comunità delle associazioni dei malati e con il mondo medico-scientifico e delle imprese produttive e distributive
  • promuove la conoscenza e la cultura sul farmaco e la raccolta e valutazione delle best practices internazionali.

L’autorevolezza e l’autonomia scientifica dell’AIFA è supportata dalla attività di due Commissioni tecnico-scientifiche composte da esperti di comprovata e documentata esperienza nel settore:

la Commissione Tecnico Scientifica (CTS) e il Comitato Prezzi e Rimborso (CPR).

Il Consiglio di Amministrazione (CdA) di AIFA è costituito dal Presidente, designato dal Ministro della Salute d’intesa con la Conferenza Stato-Regioni, e da quattro componenti, di cui due designati dal Ministro della Salute e due dalla Conferenza Stato-Regioni.

Alla data odierna, 12 febbraio 2020, risulta così costituito:

Domenico Mantoan – Presidente

Renato Bernardini – Consigliere

Massimiliano Abbruzzese – Consigliere

Davide Carlo Caparini – Consigliere

Antonio Brambilla – Consigliere