SLA Trial Fase I

LA PATOLOGIA

Sclerosi Laterale Amiotrofica SLA

La Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), è una malattia neurodegenerativa che colpisce i motoneuroni, cellule nervose cerebrali e del midollo spinale che permettono i movimenti della muscolatura volontaria. La malattia si manifesta con un iniziale indebolimento della muscolatura di braccia e gambe che si estende progressivamente portando ad una paralisi quasi totale (tranne occhi, sfinteri e cuore). Le funzioni sensoriali e cognitive si mantengono inalterate e i pazienti affetti da SLA rimangono prigionieri vigili del proprio corpo senza poter controllare i movimenti o comunicare con l’esterno. Nel 90%/95% dei casi la causa non è nota e, attualmente, per la SLA, non esistono cure né parziali né risolutive.

IL PROGETTO

Il 25 giugno 2012 l’equipe del Prof. Vescovi e della Dott.ssa Mazzini ha effettuato il primo trapianto al mondo di cellule staminali cerebrali umane nel midollo spinale su un paziente affetto da Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA).
Il 5 giugno 2015 è terminata la sperimentazione clinica di Fase I condotta su 18 pazienti, non rilevando eventi avversi imputabili alla procedura chirurgica o alle cellule trapiantate. Autorizzata dall’Istituto Superiore di Sanità e dall’AIFA, la sperimentazione sponsorizzata da Revert si è avvalsa della partnership dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, dell’Ospedale Santa Maria di Terni e della Fondazione Cellule Staminali di Terni.

500.000

Casi nel mondo

7.000

Persone in Italia

3 nuovi malati

Ogni 1.000 persone

3/5 anni

Sopravvivenza media

FONDI NECESSARI PER IL PROGETTO

2.000.000 €

  • Struttura ospedaliera*
  • Personale*
  • Attrezzatura*

%

FONDI RACCOLTI

Il primo trapianto al mondo di cellule staminali cerebrali umane per la cura della SLA

La prima applicazione della ricerca sponsorizzata da Revert è stata l’implementazione di un protocollo di sperimentazione clinica di Fase I per il trapianto di staminali cerebrali umane su pazienti colpiti da Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA).

Lo studio sperimentale è condotto secondo i più rigorosi criteri scientifici ed etici, per una malattia neurologica mortale. La sperimentazione viene svolta secondo la normativa internazionale vigente, in accordo alle regole EMA-European Medicine Agency e con cellule prodotte in stretto regime GMP (Good Manufacturing Practice, Norme di Buona Fabbricazione, vale a dire riconosciute dalle commissioni di competenza sanitaria nazionale come idonee all’utilizzo in trial clinici di fase 1), con certificazione AIFA.

LE TAPPE

Sono stati costituiti ed istituiti a norma di legge i laboratori necessari alla produzione e alla conservazione delle cellule staminali secondo gli standard GMP (Norme di Buona Fabbricazione).

Sono state prodotte linee di cellule staminali neurali in regime di Ricerca e Sviluppo, per poter poi avviare la produzione secondo gli standard GMP ed il 22 luglio 2010 è stata ottenuta dall’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) l’autorizzazione alla produzione di farmaci per terapie cellulari avanzate (aM 101/2010), riconoscimento necessario per avviare la coltura intensiva di cellule staminali neurali idonee e sicure per la successiva sperimentazione sull’uomo.

Il 25 marzo 2011 la commissione competente presso l’Istituto Superiore di Sanità ha approvato la richiesta di procedere con la sperimentazione clinica di fase I. E’ stato effettuato – secondo obbligo di legge – l’invio del dossier scientifico della sperimentazione ai comitati etici dei vari centri ospedalieri coinvolti nello studio. Compito dei comitati etici è quello di vagliare il protocollo e di esprimere il loro parere in tempi plausibilmente contenuti. Questa procedura è obbligatoria ed è posta a tutela dei pazienti coinvolti: serve ad analizzare definitivamente la sicurezza del trial in relazione ai mezzi e alle strutture ospedaliere a disposizione degli sperimentatori. I comitati etici inoltre forniscono un fondamentale contributo per definire i criteri di selezione e reclutamento dei pazienti.

Il 25 agosto 2011 i comitati etici hanno espresso parere favorevole allo svolgimento del trial clinico.

Il 7 dicembre 2011 è cominciata la fase di selezione e reclutamento dei pazienti affetti da SLA ed il loro follow up pre-intervento.

Il 25 giugno 2012 l’equipe coordinata dal Prof. Angelo Luigi Vescovi e, per la parte neurologica, dalla Dr.ssa Letizia Mazzini Responsabile del Centro SLA dell’Ospedale Maggiore della Carità (Novara), ha portato a termine il primo trapianto al mondo di cellule staminali del cervello umano da aborto spontaneo nel midollo spinale del primo dei diciotto pazienti affetti da Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), reclutato nel trial clinico di fase 1 autorizzato dall’Istituto Superiore di Sanità. In seguito, sono stati effettuati interventi analoghi su 5 rimanenti pazienti, con cadenza quasi mensile. E’ previsto l’impianto di cellule staminali cerebrali in un totale di diciotto pazienti SLA, in aree diverse del midollo spinale.

La prima fase di questo protocollo è terminata con successo il 22 marzo 2013, non rilevando eventi avversi importanti imputabili alla procedura chirurgica o alle cellule trapiantate. Alla luce di quanto emerso, l’Istituto Superiore di Sanità e l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) hanno autorizzato l’avvio della seconda parte della sperimentazione che prevede il trapianto in zone più alte del midollo spinale, cioè in regione cervicale.

La seconda parte della sperimentazione di Fase 1 si è conclusa nel marzo 2014 con il trattamento degli ultimi tre pazienti che hanno ricevuto l’inoculazione sempre in regione midollare cervicale, ma bilateralmente, in 6 punti per un totale di 5 milioni di cellule. Anche questa parte della sperimentazione è terminata positivamente, senza eventi avversi imputabili alla procedura chirurgica o alle cellule trapiantate. Revert Onlus ha nuovamente ottenuto l’autorizzazione ad avviare la terza e ultima parte del trial clinico di Fase 1, che prevedeva il trapianto nella stessa regione, in pazienti con uno stadio clinico della malattia meno avanzato del gruppo precedente.

5 Giugno 2015: è stato trapiantato nel midollo spinale cervicale, con cellule staminali cerebrali, il diciottesimo ed ultimo paziente affetto da Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA). Questo intervento ha concluso la parte dei trapianti della sperimentazione, mentre il monitoraggio delle condizioni dei pazienti trapiantati continuerà, per valutare l’evoluzione della malattia dopo il trattamento e la sicurezza ed innocuità del medesimo.

Il 29 Settembre 2015 è stata annunciata la conclusione della fase I e la preparazione di un protocollo sperimentale di Fase II, in cui si prevede che saranno arruolati tra i 60 e gli 80 pazienti e che sarà finalizzata a valutare il miglioramento del dosaggio delle cellule e la loro potenziale efficacia terapeutica.

Leggi il comunicato di giugno 2013 con gli aggiornamenti sul trial clinico e criteri di accesso del secondo gruppo.
Leggi  il comunicato di aggiornamento del 29.09.2015
Scarica la Cartella Stampa del 29.09.2015
Leggi le pubblicazioni scientifiche

PARTNER DI PROGETTO

Fondazione Cellule Staminali
Casa Sollievo della Sofferenza
Ospedale Santa Maria di Terni

COSTO PROGETTO

Per la sperimentazione sono stati necessari circa 2 milioni di euro.

DURATA DEL PROGETTO

Il progetto è durato quattro anni e mezzo.

  • 1 anno e mezzo per l’autorizzazione del protocollo clinico da parte dell’Istituto Superiore di Sanità e i comitati etici competenti (da luglio 2010 a marzo 2011 per l’ISS – novembre 2011 Comitati etici)
  • 3 anni di sperimentazione vera e propria (giugno 2012 – giugno 2015): primo paziente il 25/06/2012, diciottesimo e ultimo paziente il 05/06/2015

 

LE RISORSE UMANE

  • Personale laboratorio di Terni: 6 unità (Biotecnologi e biologi)
  • Personale medico dell’Ospedale di Terni: 10 (Neurologi/Neurochirurghi/Anestesisti)
  • Personale medico dei centri reclutatori (Padova – Novara): 6 (Neurologi) CENTRI COINVOLTI
  • Ospedale di Terni: unico sito di produzione del farmaco e di trattamento dei pazienti
  • Ospedale Maggiore della Carità di Novara: reclutamento pazienti e follow up post operatorio
  • Clinica Universitaria di Padova: reclutamento pazienti e follow up post operatorio
  • Emory University (Atlanta, Georgia, USA): Consulenza chirurgica
  • Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo (FG): coordinamento dello studio clinico

 

I PAZIENTI

  • Sono pervenute in totale circa 685 richieste di partecipazione allo studio clinico: 1° gruppo 213, 2° gruppo 360 , 3° gruppo 112)
  • Sono stati operati n. 18 pazienti operati

 

DOSAGGI DELLE CELLULE

I 18 pazienti hanno ricevuto due diversi dosaggi di cellule: nel trapianto monolaterale sono state somministrate 2.250.000 cellule a paziente, mentre nel trapianto bilaterale 4.500.000 a paziente.

FONDI

  • Associazione Pro Roberto
  • Carit
  • Fondazione Cellule Staminali di Terni

  • Fondazione Borgonovo

  • Fondazione Milan

  • 5X1000

RISULTATI PUBBLICATI

La Fase I del trial clinico non ha rilevato eventi avversi imputabili alla procedura chirurgica o alle cellule trapiantate. I principali risultati sono stati pubblicati dalle principali riviste scientifiche internazionali: Clinical Trials e PubMed.