#nuvola #lavoro #corriere #RevertOnlus #CasaSollievo #terni #cellfactory

Oggi Nuvola del Lavoro parla di Biotecnologia con Daniela Celeste Profico, QP-Qualified Person (Direttore tecnico), presso l’Unità Produttiva per le Terapie Avanzate dell’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza.

La Dottoressa Profico è nel team del Prof. Angelo Luigi Vescovi per la ricerca e sperimentazione clinica per le patologie neurodegenerative a partire dal 2008 quando entra nel gruppo di lavoro del “Laboratorio Cellule Staminali, Cell Factory e Biobanca” dell’ospedale di Terni.
Da allora sono stati raggiunti importanti traguardi:
– nel 2010 la certificazione della Cell Factory di Terni da parte dall’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) come Good Manufacturing Practices (GMP)
– 2011 autorizzazione da parte dell’Istituto Superiore di Sanità e Comitati Etici a procedere con la sperimentazione clinica di fase I
– 2012 il primo trapianto al mondo di cellule staminali del cervello umano prelevate da feti deceduti per cause naturali nel midollo spinale del primo dei diciotto pazienti affetti da Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA)
– nel 2015 il diciottesimo e ultimo trapianto nel midollo spinale di pazienti affetti da Sla
– nel dicembre 2015 presentata l’AIFA la richiesta di poter procedere con una sperimentazione di Fase I per la sclerosi multipla secondaria progressiva
– inaugurazione dell’Isbremit, Unità Produttiva per le Terapie Avanzate dell’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza dove è prevista la creazione di una Cell Factory come quella di Terni e dove si è in fase di costruzione del sistema di qualità necessario per chiedere l’ispezione dell’Aifa per la certificazione come Good Manufacturing Practices (GMP)
– nel novembre 2016 è stata inviata all’Aifa, al Ministero della Salute e al CEAS Umbria la relazione finale con i risultati cumulativi dell’intera sperimentazione di Fase I conclusa a Giugno 2015 con il trapianto di cellule staminali cerebrali nel midollo spinale cervicale del 18° ed ultimo paziente

Leggi l’articolo:
http://nuvola.corriere.it/2016/11/30/daniela-e-la-biotecnologia/

*Nella foto: Daniela Celeste Profico, Annamaria La Torre e Leonardo Mottola dell’Isbremit, Unità Produttiva per le Terapie Avanzate dell’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza